Come Realizzare Arpe e Maracas

Hai mai pensato di riprodurre i suoni e l’atmosfera della savana? Bastano pochissimi oggetti di facile reperibilità, un tocco d’arte e soprattutto tanta fantasia per trasformare la tua casa in una foresta tropicale, il divano di casa in un’isola e i peluches di tuo figlio in veri animali. Ecco come creare dei particolari strumenti musicali.

Inizia con il realizzare un’arpa: per farla ti basterà prendere una comunissima scatola di scarpe, rimuoverne il coperchio ed abbellirne l’interno con dei fogli colorati, fissati alla scatola con colla, scotch o spille: fai in modo che i fogli fuoriescano, ricoprendo parzialmente anche l’esterno della predetta scatola. Fissa adesso, al posto del coperchio, cinque o sei elastici, rigorosamente di colori diversi e posizionali in ordine, dal più spesso al più sottile: pizzica gli elastici ed inizia ad ascoltare i suoni prodotti sia singolarmente che tutti insieme.

Il suono leggero e rilassante dell’arpa si associa bene con quello più frenetico prodotto dalle maracas: prendi dei contenitori che hai a disposizione, dai barattoli di spezie alle confezioni di cartone, e riempili con i prodotti che trovi in casa, riso, fagioli, mais, ma anche sabbia, sassolini ecc.; quindi sostituisci il coperchio con il cartone ed inizia ad agitare le tue originalissime maracas. Noterai che il suono cambia in base alla quantità posta dentro il contenitore. Per rendere il tutto più scenografico ricopri il coperchio con fogli colorati, ben fissati con colla e/o scotch, in modo che il contenuto non possa fuoriuscire.

L’ultima creazione che ti propongo di creare è il kazoo, un particolare strumento musicale di forma tubolare,con un foro centrale, chiuso da una membrana che vibra con la voce del suonatore. Prendi un tubo di cartone, come quello della carta da cucina, e chiudi una delle due estremità con la pellicola trasparente, che ti consiglio di bloccare con l’aiuto di un elastico: fai un buco nel tubo, poco sopra la pellicola trasparente, servendoti di una matita o di una penna. Adesso non ti resta che rivolgere il lato aperto del tubo in direzione della bocca e cantarci dentro, intonando ciò che più ti piace: sottolineo che devi cantare, perché il kazoo non emette suoni col semplice fiato, ma ha bisogno della vibrazione delle corde vocali, per cui non limitarti a soffiare, ma canta.